"Matematicandoinsieme" di Maria Cristina Sbarbati

14 dicembre 2016

Il libro “Emma Castelnuovo” in un’immagine di Daniela Valenti

8781d-emma-2011-ico

La giornata è bellissima, l’aria un po’ pungente e il palazzo del Campidoglio si staglia nel cielo azzurro. …Un luogo spettacolare che oggi, 12 dicembre 2003, ospita una cerimonia degna di nota. … Sempre più numerosi gli invitati salgono la ripida e ampia scalinata e, ad accoglierli, trovano la festeggiata: Emma Castelnuovo … oggi compie 90 anni e la città di Roma desidera renderle onore’.
Così comincia questo libro, che immerge subito il lettore nella vita di Emma Castelnuovo. Chi non ha conosciuto Emma può pensare: ha sempre insegnato alla scuola media; sarà stata una brava insegnante, che ha svolto con passione il suo lavoro. Ma che cosa aveva di tanto speciale? (Continua)

15 dicembre 2013

Concreto e astratto: come ho imparato matematica alla Scuola Media

lorenzoni

Articolo di Franco Lorenzoni

Un libro per ragazzi di Lucio Lombardo Radice aveva come titolo: Il giocattolo più grande. Il giocattolo evocato in quelle pagine era il cervello e, come allievo di Emma Castelnuovo negli anni della mia scuola media, il ricordo più nitido che ho è proprio questo: lei ci faceva scoprire, giorno dopo giorno, che con il cervello si può giocare e che giocarci è divertente e appassionante. Ricordo la gioia con cui attendevamo il suo ingresso in classe perché sapevamo che, durante le ore di matematica, noi giochiamo con questa cosa strana che abbiamo dentro la testa.In prima media ricordo che aspettavo le ore di matematica come fossero capitoli di un romanzo a puntate. A volte addirittura, a casa, leggevo qualche pagina avanti de ‘La geometria intuitiva’ nell’edizione di allora, che aveva in copertina un bellissimo quadro di Kandinskj. Leggevo il libro alla sera prima per sapere qualcosa di quello che avremmo fatto, anche se poi il modo in cui lei ci proponeva gli argomenti, ci sorprendeva sempre.

Continua

25 novembre 2013

Un rapido sguardo nel mondo dei numeri

“Daniela Valenti, matematica e docente, ci aiuta a gettare un primo, rapido sguardo nel mondo dei numeri per scoprire come la storia e lo sviluppo della società umana siano strettamente legati allo sviluppo della matematica. Immagini e parole guidano alla scoperta di aspetti suggestivi e riposti dei numeri che usiamo per contare. Siamo così invitati a soffermarci su tanti aspetti dei numeri che solitamente ignoriamo o diamo per scontati. Scopriamo l’immenso significato del processo di astrazione racchiuso nel nome di un numero, il modo in cui l’uomo ha cominciato a scrivere i numeri e il perché ancor oggi li scriviamo in un certo modo… Soprattutto riusciamo a vedere una realtà quotidiana con occhi nuovi, senza sfuggire peraltro al fascino che sempre i numeri esercitano su di noi.”

(more…)

Blog su WordPress.com.