"Matematicandoinsieme" di Maria Cristina Sbarbati

9 aprile 2018

Presentazione del Libro “Emma Castelnuovo”

 

 

 La biografia della professoressa Emma Castelnuovo, frutto di una conoscenza diretta delle due autrici, ripercorre le tappe fondamentali della vita di una scienziata che ha rivoluzionato la didattica della matematica in Italia e nel mondo. I suoi libri di testo hanno reso la matematica bella e comprensibile, contribuendo a far cadere il tabù della sua inaccessibilità. Con strumenti semplici, come uno spago, degli elastici o degli stecchini, ha rifondato l’insegnamento di concetti astratti calandoli nella realtà del quotidiano. La sua vita, lunga un secolo, ha abbracciato tutto il 1900 intrecciandosi con vicende storiche che hanno determinato il suo pensiero e la sua sensibilità di insegnante.

LEGGI : Recensione del libro “Emma Castelnuovo” 

Annunci

21 marzo 2018

I Libri di Emma Castelnuovo nella Scuola di Ieri e di Oggi

Filed under: Didattica,Libri consigliati — matematicandoinsieme @ 11:30
Tags: ,

Emma Castelnuovo

 Matematicandoinsieme ripropone l’articolo avente per tema la recensione sui libri di Matematica scritti  da Emma Castelnuovo per la Scuola secondaria di primo grado. Buona lettura!

LEGGI

13 marzo 2018

Adottare e “sincronizzare” il testo di Emma Castelnuovo: Aritmetica in Prima

I testi di Emma Castelnuovo hanno una organizzazione degli argomenti un po’ diversa da quella dei testi tradizionali. Questo a volte rappresenta un freno per l’adozione in classe, anche quando li usiamo “a fianco” del testo tradizionale già da un po’ di tempo. Se siamo i soli a scuola a voler cambiare libro, temiamo che poi non ci troveremo “in linea” con la tempistica degli altri colleghi, che gli alunni non si impadroniranno delle “tecniche” come gli altri, che il metodo laboratoriale ci possa far perdere tempo… In realtà non è così.

Qui di seguito trovate un esempio (la mia esperienza personale nella scuola dove lavoro) di come il testo possa essere adottato in classe senza problemi, anche se non tutti i docenti di matematica della scuola lo utilizzano. Iniziamo con l’aritmetica in prima.

Alcune questioni generali: la teoria, essenziale, è scritta con un linguaggio che risulta chiaro anche agli alunni che hanno disturbi specifici dell’apprendimento o bisogni educativi speciali, quindi non servono testi a parte o percorsi facilitati. E’ l’intera opera a rendere la matematica inclusiva. La novità rispetto agli altri testi è la sezione degli esercizi: è lì che gli alunni, svolgendoli a casa o in classe, scoprono proprietà nuove, sono portati a mettere in relazione concetti, costruiscono regole questo mi “costringe” a passare molto tempo nella correzione dei compiti, praticamente mi trovo a fare una didattica della matematica “capovolta”. E stiamo parlando di un libro che esiste da molti anni…(Continua)

15 dicembre 2017

Didattica della matematica: il libro di Anna Baccaglini-Frank, Pietro Di Martino, Roberto Natalini e Giuseppe Rosolini

Esce in questi giorni con l’editore Mondadori il manuale di Didattica della Matematica scritto da Anna Baccaglini-Frank, Pietro Di Martino, Roberto Natalini e Giuseppe Rosolini. Presentiamo di seguito il testo dell’introduzione e l’indice generale.(Continua)

5 marzo 2017

Ultimissima…..

18-03-2017-castelnuovo_libricome_

17 ottobre 2014

L’uomo che credeva di essere Riemann

I protagonisti di questo libretto sono tre: uno psichiatra, un matematico convinto di essere Riemann, e, ovviamente, la matematica. Il narrante è lo psichiatra, che vuole raccontare la storia di uno dei casi più singolari che gli siano capitati, giunto al termine della sua esperienza professionale e soprattutto dopo la morte del secondo protagonista, il matematico Ernest Love. Col quale si era accordato di raccontare, un giorno, la sua storia singolare. (continua)

12 luglio 2014

A proposito di……….“La Matematica come un romanzo”

Dopo L’Ultimo Teorema di Fermat, L’Equazione dell’Anima, L’Enigma dei Numeri Primi è stata pubblicata in questi giorni  la quarta uscita, I numeri magici di Fibonacci della collana “La Matematica come un romanzo”.

Vi allego, se può interessarvi, un abstract della quarta uscita e la cover del romanzo.

Fibonacci Abstract

I Numeri magici di Fibonacci

31 gennaio 2014

I giochi matematici di Fra’ Luca Pacioli: Trucchi, enigmi e passatempi di fine Quattrocento

Fra Luca PacioliÈ una nebbiosa serata invernale e con un gruppo di amici volete rilassarvi dopo una dura giornata di lavoro. Che fare? Andare al più vicino centro commerciale con annessa multisala per vedere l’ultimo successo di botteghino? C’è un problema: non esiste un cinema nel vostro paese e, a dirla tutta, in nessun posto sulla Terra. No, non siete in un futuro apocalittico post-Terza guerra mondiale. Voi e i vostri amici siete seduti in una taverna fumosa, riscaldata dal camino e poco illuminata, nel 1478, forse a Venezia, forse a Perugia, o magari a Milano. Come passare la serata allora, senza televisione, romanzi gialli o discoteche? Potete giocare! Il capo brigata ha una serie inesauribile di bolzoni – giochi, trucchi, enigmi e passatempi – da proporre. Fra’ Luca sa bene che, attraverso i giochi, le meraviglie della matematica fanno breccia anche nelle «menti incolte». Questo libro è la raccolta, tradotta e commentata, dei giochi matematici che Fra’ Luca Pacioli, figura fondamentale della matematica dei secoli XV-XVI, descrive in un manoscritto del Quattrocento sconosciuto al grande pubblico. Sono giochi antichi e attualissimi, sempre ricchi di fascino, soprattutto se si leggono nel volgare dell’epoca. Il libro solletica inoltre l’interesse del cultore di ricreazioni matematiche, descrivendo come si divertivano e come giocavano gli uomini alla fine del Medioevo.

I lettori

Appassionati di giochi matematici e di prestigio, studenti di tutte le età, ma anche persone curiose di scoprire come scrivevano e come giocavano i nostri antenati a cavallo tra il ’400 e il ’500.

12 settembre 2013

Dante e la matematica

Matematicandoinsieme invita i suoi lettori web a consultare il libro di Bruno D’Amore “Dante e la matematica”.

Dante-e-la-matematica

In un felice equilibrio tra realtà storica e immaginazione, e un linguaggio piacevole e accattivante, un illustre matematico ci invita a seguire Dante nei suoi incontri con amici e maestri in vari luoghi d’Italia. Egli parla un suo pastoso toscano, si mescola alla gente, risolve antichi ma sempre attuali indovinelli di lupi, capre e cavoli e problemi di calcolo delle probabilità che si presentano nel lancio di tre dadi del “gioco della zara”, cui assiste nelle strade di Bologna. A Siena segue una lezione di ottica di Pietro Ispano e nella odiata Pisa ‘vituperio delle genti’, va sulle tracce lasciate da Fibonacci, il più grande matematico del Medioevo. Con il Medioevo nello sfondo, il lettore si lascia catturare dalla finzione, dimentico che questi racconti si propongono di svelarci l’origine di alcune celebri terzine della “Commedia”.

30 luglio 2013

Cosa leggo oggi?

Matematica sulla spiaggia

Matematica sulla spiaggia

Il caos e il ferro di cavallo   

Nel 1957 Stephen Smale ha sorpreso il mondo della matematica dimostrando che, almeno in teoria, era possibile rovesciare una sfera. Qualche anno dopo, dalle spiagge di Rio de Janeiro ha introdotto la mappa a ferro di cavallo dimostrando le dinamiche caotiche di funzioni semplici. Infine, E’ riuscito nell’impresa di dimostrare la congettura di Poincaré, ovvero che le dimensioni possono essere ben più di tre. Smale ci racconta qui le sue avventure, matematiche e non, che lo hanno reso un protagonista della topologia algebrica, sottolineando l’impegno, l’audacia, la fiducia nelle proprie capacità , la passione e perché no il pizzico di fortuna che hanno guidato la sua carriera matematica. (more…)

13 luglio 2013

Libri per l’estate 2013

Il sito MATEpristem propone ai suoi lettori un’interessante carrellata di libri per l’estate.

Clicca qui: Sotto l’ombrellone 2013

9 luglio 2013

Un libro interessante: Logica matematica

Logica_burali

Si tratta della riedizione del volume Logica matematica del 1894 di Cesare Burali-Forti. Il matematico toscano dopo la laurea a Pisa, si trasferì a Torino dove frequentò Peano, Marcolongo, Boggio e altri cultori della scuola logico-vettorialista, di cui fu uno degli aderenti di più stretta osservanza. Sempre nell’ambito della Logica, celebre è il paradosso che porta il suo nome sull’impossibilità di costruire un insieme di tutti i numeri ordinali. (more…)

6 maggio 2013

Leggere è cibo per la mente!

Vi segnaliamo oggi il libro di Emma Castelnuovo “Pentole ombre formiche, in viaggio con la matematica”

Cosa pensa e come pensa un matematico, cosa vede nelle figure, nei numeri, nelle equazioni e come vede, come utilizza questi “oggetti matematici”.
Più riguardo a Pentole, ombre, formiche

La matematica ha un legame stretto e costante con i fenomeni che incidono sulla nostra vita e con oggetti di uso quotidiano: basti pensare alla geometria delle distanze, alle proprietà dei solidi, all’intervento della probabilità in medicina, alle previsioni demografiche. Eppure oggi molte persone – mentre non hanno difficoltà a comprendere complicate teorie, ad esempio, di biologia o di fisica – non riescono a ragionare in termini matematici. Questo libro vuole suscitare la loro curiosità, presentando affascinanti riflessioni suggerite da problemi di pentole, da osservazioni sulle ombre e dai pensieri di una formica. Una larga parte del volume è dedicata al tema dei rapporti tra rappresentazioni pittoriche e matematica, con numerose illustrazioni. L’intento dell’autrice è quello di far capire cosa pensa e come pensa un matematico, che cosa vede nelle figure, nei numeri e nelle equazioni. Il lettore viene perciò sollecitato a porsi domande, a cadere in errore e poi a rendersi conto dell’errore, proprio come succede nella ricerca, e perciò a comprendere che nella scoperta matematica la fantasia si unisce alla logica.

22 aprile 2013

Cosa leggo oggi ?

Matematicandoinsieme propone ai suoi lettori web il libro di Piergiorgio Odifreddi “Abbasso Euclide”, terzo libro a conclusione della trilogia i cui altri volumi sono C’e’ spazio per tutti e Una via di fuga .

abbasso-euclide

Perché il grido Abbasso Euclide! nel titolo di un testo divulgativo sulla storia della geometria?  In primo luogo, perché basta uno sguardo per accorgersi che si tratta di un libro riccamente illustrato, che si affida innanzitutto all’intuizione e alla visualizzazione. Mentre è sufficiente sfogliare i monumentali Elementi di Euclide, per rendersi conto che il grande  sistematizzatore della geometria greca usava le figure con parsimonia, e si affidava quasi soltanto alla formalizzazione e alla dimostrazione.  E poi, perché il nome di Euclide è legato positivamente alla geometria classica, chiamata appunto geometria euclidea, e negativamente alle geometrie moderne, chiamate al contrario geometrie non euclidee. (more…)

4 marzo 2013

Giovanni Keplero aveva un gatto nero

Dal libro di Marco Fulvio Barozzi Giovanni Keplero aveva un gatto nero. Matematica e fisica in versi , vi proponiamo alcune  limerick e iclerihew di matematica e fisica. (more…)

Pagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.