"Matematicandoinsieme" di Maria Cristina Sbarbati

13 febbraio 2014

André Weil, la matematica come arte

Filed under: Biografie di matematici,L'Angolo della Matematica — matematicandoinsieme @ 08:00
Tags: ,

André Weil

“Il naso incollato a un libro, le lenti da miope spesse un dito, i passi rapidi e sicuri di chi, da tanti anni, segue sempre lo stesso percorso, una strada che potrebbe fare ormai ad occhi chiusi. Era una figura inconfondibile quella di André Weil, il grande matematico, che a Princeton tutti conoscevano. E’ morto il 6 agosto 1998, all’età di 92 anni. E’ stato uno dei più grandi matematici di questo secolo, noto per il suo carattere stravagante e sicuramente poco socievole. A Princeton lo avevano soprannominato il “mostro sacro” e se togliete l’aggettivo avrete un’idea dell’opinione che molti suoi colleghi del prestigioso Institute for Advanced Study avevano di lui.”(Federico Peiretti)

Da MATEpristem: Le Biografie dei Matematici

André Weil, nato a Parigi il 6 maggio 1906, è stato uno dei fondatori del gruppo Bourbaki. Sin da bambino aveva dimostrato la sua passione per la Matematica. Dopo gli studi superiori a Parigi decise di viaggiare per l’Europa alla ricerca di un’istruzione matematica migliore di quella che la Francia degli anni seguenti la prima guerra mondiale poteva offrire. Frequentò diverse Università straniere e in particolare soggiornò a Roma e Gottinga. Nel 1928 ottenne il dottorato dall’Università di Parigi, sotto la guida di Jacques Hadamard ed Emile Picard, con una tesi sulle equazione diofantee. Weil per primo ebbe l’idea di costituire un gruppo che avesse l’obiettivo di rinnovare la cultura matematica nella Francia di quegli anni e che riscrivesse i testi di studio universitari, considerati passati ed inadeguati. Nel 1935 è tra i fondatori dell’Association des collaborateurs de Nicolas Bourbaki. Dopo la seconda guerra mondiale Weil si trasferì negli Stati Uniti, prima insegnando all’Università di Chicago, poi all’Institute for Advanced Study di Princeton, dove mori il 6 agosto 1998. I contributi di Weil alla Matematica spaziano dalla Geometria differenziale ai gruppi di Lie. I due principali argomenti a cui si interessò sono stati la Congettura di Riemann e il Programma di Langlands (ampia rete di “congetture unificatrici” che collegano diversi campi della Matematica, per esempio la teoria dei numeri e la teoria della rappresentazione dei gruppi di Lie). Contribuì indirettamente alla dimostrazione dell’ultimo teorema di Fermat: nel 1994 Andrew Wiles riuscì ad ottenere tale dimostrazione, lavorando dal 1985 al 1994, dopo essere stato ispirato dalle idee di Weil a proposito della cosiddetta congettura di Shimura-Taniyama-Weil. Gli interessi di Weil investivano svariati campi del sapere, fu uno studioso di Storia all’antropologia e di lingue (tra queste conosceva anche il latino, il greco e il sanscrito).

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: