"Matematicandoinsieme" di Maria Cristina Sbarbati

12 dicembre 2013

Dedicato a Emma Castelnuovo: Cronaca di una giornata speciale

Emma Castelnuovo 100

Emma Castelnuovo

In occasione della  consegna del “Premio Nesi” alla professoressa Emma Castelnuovo, la sala delle Comunicazioni del Ministero dell’Istruzione e della Ricerca è affollatissima. D’altronde c’era da aspettarselo.

    Uno dei cardini dell’insegnamento di Emma è riconoscere varianti e invarianti, vale a dire ciò che cambia e che resta costante, in una situazione dinamica. E infatti nel corso del tempo, tutte le manifestazioni , gli eventi dedicati a Lei, a prescindere dal fatto che Emma sia presente o no, al variare dei luoghi, la Protomoteca del Campidoglio, la sala Sinopoli dell’Auditorium al festival della matematica, il Cinema Teatro Augusteo del Comune di Salerno per il XXXI Convegno UMI-CIIM e oggi  9 dicembre 2013 al MIUR c’è sempre una costante: i presenti superano  di gran lunga i posti disponibili, moltissimi stanno in piedi o addirittura fuori per motivi di sicurezza.

   Ciò nonostante, questo fatto continua a stupirci , ci rallegra, ci conferma , se mai ce ne fosse bisogno, la grandezza di questa donna, che nel corso della sua vita  si è dedicata alla ricerca, alla didattica, alla scuola . Non lo ha fatto in modo astratto, avulso dal contesto, ma in classe, giorno dopo giorno, in mezzo ai suoi allievi. E’ per loro che Emma ha studiato; per trovare un metodo adatto a   trasmettere i fondamenti della matematica a dei ragazzini di un’età così difficile quale è la preadolescenza. Trasmetterli in modo  concreto, affascinante, legato alla realtà; utilizzando un materiale povero: spago, asticciole, elastici… che tutti, dico tutti gli allievi, di ogni condizione sociale e di ogni luogo della terra potessero avere a disposizione. Una didattica che infrange le barriere sociali e culturali.

Oggi, 9 dicembre, dopo 70…60…30…10 anni assieme ai parenti, agli amici e alle autorità pubbliche,  i suoi allievi sono qui, in questa sala “strapiena”. Emma è a casa, convalescente a seguito di una frattura al femore, e il premio viene  consegnato  a Lia, che sorridente  ed emozionata ci dice di essere la pro-pronipote di Emma. Dopo gli interventi dei relatori, la parola passa agli allievi:

” …sono tornato a casa e ho detto a mamma che avevo scoperto il teorema di Pitagora…”

“… da lei tre grandi lezioni: non avere paura della matematica e del cambiamento; imparare a imparare;  capire che si può ricavare molto dal rapporto con i giovani…”

“…quando, recentemente, ho conosciuto il suo metodo ho capito che idee di 60 anni fa sono di un’attualità straordinaria e interessano moltissimo i miei alunni…”

 “…la ricordiamo con la mano infilata  nella tasca della sua giacca di tweed e le scarpe basse…”

“…il ministero  deve valorizzare e diffondere questa straordinaria metodologia …”

Sono  alcune delle loro testimonianze  dedicate come omaggio alla “Donna” che ha segnato un pezzo della storia italiana, che ha indicato con il suo lavoro e attraverso i suoi libri “La via della matematica”, suscitando interesse e passione per questa disciplina nei ragazzi di ieri e di oggi.

Alla carissima Emma, gli  auguri più affettuosi e sinceri  in occasione dei suoi 100 anni  e ancora un grande  grazie!

Carla Degli Esposti

Advertisements

2 commenti »

  1. Grazie Carla per il tuo articolo che vuole essere un omaggio ad una “Grande Donna”! Emma ci ha donato un qualcosa di insostituibile: l’amore per l’insegnamento e la certezza che “La sua matematica viaggia per scoperte, per riflessioni; la matematica attiva, che nasce dalla realtà, non quella ostile, basata sui tecnicismi e purtroppo ancora così diffusa.” Con l’ammirazione di sempre e la gratitudine per i Suoi insegnamenti, buon compleanno Maria Cristina Sbarbati

    Commento di matematicandoinsieme — 12 dicembre 2013 @ 08:23 | Rispondi

  2. […] Una cronaca di Carla degli Esposti. […]

    Pingback di 100 anni | Raimondo Bolletta — 12 dicembre 2013 @ 16:47 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: