"Matematicandoinsieme" di Maria Cristina Sbarbati

27 maggio 2013

Matematica a Memoria?

Filed under: Articoli,Didattica,L'Angolo della Matematica,Opinioni,Scuola — matematicandoinsieme @ 14:55
Tags: , , , ,

 

Matematica che passione!!! Eppure quanti di voi a scuola hanno odiato la matematica? Chiedendovi magari anche a cosa vi sarebbe servita nella vita, un po’ come il latino. Certo, queste sono materie fondamentali per chi decide di intraprendere studi scientifici, giuridici o filosofici. Ma ai più sono apparsi autentici incubi da affrontare quotidianamente. Questo perché forse o quasi certamente qualche insegnante ha messo in moto il “tunnel dell’ansia” nel richiedere in modo inutile formule, calcoli complicati, versi a memoria e quant’altro senza far uso della “ragione”.

Ricordare formule, cubi di trinomi, potenze ennesime, limiti fondamentali,derivate, integrali  e tanto altro ancora, tutto a memoria… serve davvero?

La mia opinione è… NO! Ogni argomento ha le sue regole di base e su quelle si va a costruire: diventa quindi prioritaria la conoscenza dei contenuti irrinunciabili  in quanto tutto quello che si impara di un nuovo argomento dipende strettamente dall’inizio, per cui ogni cosa può essere ricondotta alle regole di base senza dover impegnare inutilmente la memoria preziosa del nostro cervello!

Facciamo un esempio “impossibile”… supponiamo di ricordare, oltre alle proprietà delle potenze e al prodotto tra polinomi, soltanto come si fa il quadrato di un binomio, e supponiamo ancora che il prof al compito in classe a sorpresa ci propone come unico esercizio quanto segue:

 (x+y+3)6

Panico? Ma no! Vediamo di risolvere il problema!

 (x+y+3)6 = [ (x + y) +3]6 = [(x + y)+3]² ∗ … ∗ [(x+2y)+3]² per tre volte, ovvero [(x + y)+3]² moltiplicato per se stesso tre volte. Guardiamo meglio: ogni termine [(x + y)+3] è un binomio e posso considerare (x+y) come un unico monomio, chiamarlo ad esempio a così che tutto diventa (a+3)²; abbiamo risolto l’esercizio facendo un quadrato di binomio (che sappiamo fare) e tre moltiplicazioni tra polinomi (che sappiamo fare), soprattutto abbiamo fatto a meno della formula del quadrato di un trinomio, dell’eventuale triangolo di Tartaglia per la potenza 6 e soprattutto abbiamo evitato molti possibili errori nell’impresa di ricordare ciò che, in effetti, non ricordiamo!

Dunque, a conti fatti, basta ricordare le cose fondamentali, dopodiché si ragiona e tutto viene, cioè, in poche parole, si fa Matematica!!!

Advertisements

1 commento »

  1. […] Link articolo […]

    Pingback di Angelo Stella — 27 maggio 2013 @ 22:16 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: