"Matematicandoinsieme" di Maria Cristina Sbarbati

4 marzo 2013

Giovanni Keplero aveva un gatto nero

Dal libro di Marco Fulvio Barozzi Giovanni Keplero aveva un gatto nero. Matematica e fisica in versi , vi proponiamo alcune  limerick e iclerihew di matematica e fisica.

La fusione nucleare

Vinti da un impellente desiderio

due nuclei innamorati di deuterio

fecero una fusione.

Ci fu un’esplosione:

la nascita di Elio provò l’adulterio.

Antonio Meucci

Antonio Meucci

morì per i suoi crucci:

se la spassava in un motel

e ai Brevetti ci andò Bell.

L’insieme Z

È l’insiem dei razionali,

con la virgola o le frazioni:

corrispondon alle divisioni

tra numeratore e denominator.

Diversamente dai naturali,

non si contan sulle dita:

si rischierebbe persin la vita

a far frazioni delle falang.

La balistica

La balistica è la scienza

che studia il moto dei proietti:

se le sue leggi non accetti

rischi di sbagliare mir.

Giovanni Keplero

Giovanni Keplero

aveva un gatto nero

che torceva le vibrisse

se dicevi cerchio e non ellisse.

Biologia quantistica

Per la lotta alle zanzare,

in un domani futuristico,

sarà sufficiente comprare

un fornello quantistico,

dove una lucciola eccitata,

interagendo con un fotone,

produrrà, se stimolata,

un’antizanzara e un elettrone.

La regola di Ruffini

La divisione con la nota regola di Ruffini

scompone il polinomio in due più piccini

e ti dà pure il resto,

purché rimani desto,

la zzz-sione con zzzzzz-gola di fuffini.

La bolla della derivata

La demenza colpì il vecchio uomo sul Colle

che abolì per decreto il teorema di Rolle

e, per timore di un Assange,

anche quello di Lagrange.

Il calcolo differenziale alla mercé d’un folle.

La regola del segno

(sequenza di limerick)

Nel mondo delle fate c’era un regno

dove ignoravano la regola del segno:

“O, mio dio, dicci tu

Che cosa fa – per +!”

Eppure ci mettevan tanto impegno.

Giunse in quelle lande un gran sapiente

che aveva studiato nel vicino Oriente,

che sbottò “Animali!

Si ha il + con segni uguali,

ma che razza di volgo deficiente!”

Per l’uomo dotto ci furon giubilei

come se fosse giunto uno degli dei:

la folla lo acclamava

e il gran re annunciava:

“Di certo –2 –4 fa +6!”

Il saggio, che era piuttosto anziano,

si congedò con una scusa dal sovrano

e partì il dì seguente

con l’idea fissa in mente

che spesso chi comanda è il meno sano.

Advertisements

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: