"Matematicandoinsieme" di Maria Cristina Sbarbati

10 novembre 2011

Omaggio a Marie Curie

Filed under: L'Angolo della Matematica,Letture — matematicandoinsieme @ 07:52

Nel 144° anniversario della nascita Matematicandoinsieme rende omaggio a Marie Curie i cui studi sulla radioattività, grazie al suo impegno e alla sua dedizione, hanno avuto tanta influenza sulla vita dell’umanità. Le scoperte di Marie Curie, coadiuvata dal marito Pierre, rivestono un’importanza enorme in quanto, al di là delle applicazioni pratiche, hanno aperto le porte alla comprensione della struttura dell’atomo, della radioattività artificiale e della fissione e della  fusione nucleare. Costretta a finanziare personalmente insieme al marito Pierre Curie, professore della scuola di Fisica a Parigi, i suoi esperimenti, visse sempre in ristrettezze economiche.

La Storia

Maria Sklodowka, nata in Polonia nel 1867, studia fisica a Parigi dove conosce e sposa Pierre Curie. I coniugi non hanno mezzi a disposizione per i loro studi e Marie allestisce un laboratorio definito “rudimentale” dalla letteratura scientifica, privo di protezione dalle intemperie ma comunque per loro indispensabile! Nonostante queste precarie condizioni, Marie, assistita dal marito, porta avanti i suoi stuti: analizza quindi in modo sistematico il comportamento dell’uranio in vari composti e in molteplici condizioni e giunge alla scoperta che la radiazione è una proprietà atomica dell’uranio, contribuendo così a demolire la convinzione che l’atomo sia la parte più piccola della materia.

 

Marie Curie compie poi una ricerca su moltissime sostanze, per scoprire altri elementi chimici che mostrino lo stesso comportamento dell’uranio.Trova così due minerali, la torbenide e la pechblenda, essi sono più radioattivi dell’uranio puro! Marie intuisce che essi devono contenere un altro elemento chimico radioattivo. Scopre dopo molte ricerche che la pechblenda contiene due elementi altamente radioattivi, ai quali dà il nome di polonio ( dal nome del suo paese d’origine) e radio. Al comportamento di tali elementi dà il nome di Radioattività.

 

 

 

 

 

 

 

Il lavoro dei coniugi Curie ha il riconoscimento degli scienziati di tutto il mondo quando nel 1903 viene conferito il premio Nobel per la Fisica insieme a Becquerel. Tre anni dopo Pierre Curie muore, ma Marie porta avanti le sue ricerche sul radio e ottiene, nel 1911, il premio Nobel per la Chimica.

Nel 1918 Marie entra nell’istituto del radio di Parigi, che ancora porta il suo nome, e finalmente può usufruire di un laboratorio attrezzato e degno del suo nome anche se, dicono gli storici, ha  a disposizione solo un grammo di radio per le sue ricerche.

Dopo aver descritto minuziosamente gli effetti curativi del radio sul cancro, Marie si ammala di anemia perniciosa a causa della prolungata esposizione alla radioattività e muore nel 1934.

Guarda i video :

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: